Il piacere di leggere per Giancarlo Magalli

Il piacere di leggere è farsi compagnia

 

Il piacere di leggere per Giancarlo Magalli, conduttore tv, è un piacere enorme, che si può coltivare sempre ed ovunque, ma soprattutto leggere è farsi compagnia.

 

Nella vita, un libro che l’ha molto influenzato insegnandogli dei valori è “Don Camillo” di Giovanni Guareschi.

 

Per Giancarlo Magalli il piacere di scrivere è qualcosa che non vorrebbe avere. Nella vita ha fatto un pò di tutto tranne lo scrittore, ma non vuole scrivere.

 

 

Tra i suoi compagni di classe ci sono stati Mario Draghi e Luca Cordero di Montezemolo. Giancarlo Magalli ha fatto l’animatore di villaggi turistici e scritto testi per Pippo Franco. Autore di programmi di successo come “Non stop”, “Pronto, Raffaella?” – ha inventato lui il famoso gioco dei fagioli – e “Pronto, chi gioca?”, proprio con questo programma ha iniziato la sua carriera di conduttore per sostituire Enrica Bonaccorti. Ha condotto “Fantastico 10”, “I fatti vostri”, “Domenica In”, “I cervelloni”, “Piazza Grande”, “Mezzogiorno in famiglia” e tanti altri. La sua piccante ironia cattivella piace ai giovani, tanto che nel 2015 è stato il più votato alle quirinarie del Fatto Quotidiano. Ha detto: “Le battute non causano danni. Se hanno bisogno di te ti perdonano tutto”.

 

 

Giancarlo Magalli è stato protagonista di Capalbio Libri sabato 4 agosto 2018 prendendo parte alla presentazione del libro di Elena Improta “Ordinaria diversità. Storia di una figlia, mogle, madre“ edito da Ponte Sisto. Oltre all’autrice è intervenuta la giornalista de La Stampa Michela Tamburrino.

 

Per maggiori informazioni: https://palco.intesasanpaolo.com/call_to_action/capalbio-libri-12-giancarlo-magalli

Lascia un commento